Novità, Partnership  Riflessioni  Records - Novità Musica & Dischi  Records - Hits & Charts  For Brands - Portfolio  Live - Spettacoli & Eventi  Breaking Beat Italia 

 

Göbekli Tepe: Luna d'oriente e la magia di un viaggio nel tempo alla riscoperta dei suoni dell'Anatolia

Di Lulù
Data di pubblicazione 23/03/2021


Il duo Luna d'Oriente, composto da Riccardo e Fabio, ci svela i retroscena del loro video di Göbekli Tepe realizzato nelle splendide grotte del Trentino Alto Adige. Una performance suggestiva resa tale grazie alla location, ai suoni, costumi e interpretazioni del duo. Andiamo a conoscere, insieme a Luna d'Oriente, i suoni dell'Anatolia, meglio conosciuta oggi come Turchia.

Dopo la pubblicazione di “MESOGEIOS” ci siamo messi al lavoro per preparare il secondo capitolo del nostro viaggio sonoro, dedicato alla terra turca. Svariati brani sono nati, ma la situazione pandemica ci ha costretti ad una pausa obbligata che tuttora prosegue.

Riccardo: Lo scorso autunno sono venuto a sapere di una grotta a pochi chilometri da casa mia, che ho voluto subito andare ad esplorare. Appena messo piede lì dentro mi è balzata in mente l’idea di utilizzare quel luogo: un insieme di cunicoli e stanze sotterranee, luogo perfetto per registrare dei brani sfruttandone il riverbero naturale. Dopo un veloce confronto con Fabio, abbiamo organizzato un sopralluogo insieme in cui fare una demo per capire la fattibilità e la resa della registrazione con i mezzi a nostra disposizione. In quell’occasione, riguardando la location ci siamo detti che sarebbe stata perfetta per girare un video, in particolare modo una zona in cui si è creato un piccolo lago sotterraneo, estremamente caratteristico e scenografico.

Non abbiamo dovuto riflettere su quale brano scegliere: il luogo l’aveva già scelto per noi: Göbekli Tepe. Il titolo deriva da un’antica città dell’Anatolia risalente al 10000 a.C. circa, culla del sapere dell’antichità e crocevia di popoli.

Il brano, che assume caratteristiche più sonore che musicali, vuole rappresentare un antico rituale in cui vestiamo i panni dei sacerdoti. Di qui anche la scelta di utilizzare strumenti ancestrali di varia provenienza etnogeografica, alcuni dei quali autoprodotti.

Il brano e la location non erano però sufficienti per fare un bel lavoro quindi ci siamo messi all’opera per pensare, insieme ai nostri videomaker Gabriele Salzani e Claudio Venturini, alla scelta delle scene da rappresentare, ai costumi e agli oggetti di scenografia. La decisione inoltre è stata quella di registrare l’audio in presa diretta durante le riprese del video per poter meglio catturare le gestualità legate al suono. Una difficoltà è stata quella di eliminare tutti gli elementi di modernità dalla scena, per non compromettere l’ambientazione. Per questo il suono è stato ripreso con un registratore portatile, senza applicare microfoni agli strumenti.

Il tutto è avvenuto nel giro di un paio di settimane, sfruttando un piccolo spiraglio tra i divieti di spostamento tra le regioni. Il risultato è una fusione di suoni ed immagini che mescolandosi raccontano di un' antica cerimonia.

A questa è stata anche dedicata una preghiera:

Liberami dal mio sdegno

Ohh grande stella mattutina,

dona a me la forza e l’ingegno

quando tutto tornerà luce”

(Fabio Vidali)

Con questo nostro lavoro ci auguriamo e auguriamo a tutti che la luce possa tornare presto a risplendere, chiudendo questo periodo storico così complicato.

Luna d'Oriente                                                                                                                                           

Fabio e Riccardo

Guardate il video della performance live di Göbekli Tepe