Records - Novità Musica & Dischi

Keller Band - Viaggio Astrale: il Videoclip

Data di pubblicazione 16/01/2019


L'attesa sta per terminare. Venerdì 18 Gennaio i Keller Band debuttano con il nuovo videoclip Viaggio Astrale, realizzato da Miraloop in collaborazione con la coreografa Marina Ambroso e le tre danzatrici professioniste: Veronica Marangon, Greta Puggioni, Martina Rizzato che hanno interpretato e arricchito il brano con la loro esperienza artistica e creativa.

Il vento che accarezza i capelli delle danzatrici, il movimento sinuoso dei loro corpi in un'atmosfera rarefatta di sfumature. Il rosso e il blu accesi di un mondo intimo e delicato apre una finestra su cieli di nuvole e atmosfere cosmiche. Cinque musicisti che creano una musica capace di evocare immagini sognanti attraverso i suoni, accompagnandoci nel loro viaggio. Sono questi gli ingredienti primari di una narrazione che si configura diversa dallo standard a cui siamo abituati nei clip musicali: Viaggio Astrale non ha alcun riferimento poetico al di fuori del suo stesso racconto, dove i musicisti e gli spettatori sono tutti parte di uno stesso mondo immaginario. Questo è anche accentuato da una ripresa che sin dall'inizio non vuole mostrare la band, o il balletto, ma portarci dentro. Farci immergere. E così noi ci catapultiamo in questo universo parallelo dove l'espressione, lo stupore e la magia danno vita al viaggio astrale di cui parla la canzone. Un viaggio inteso come metafora di uno stato meditativo, di trance, che però non rimane fermo, è in movimento e libera l'autoespressione, attraverso movimenti lentissimi che accompagnano uno sfogo di energia quasi esplosivo, reso reale da un sound morbido e dolce quanto capace di far vibrare i muri. 

Il brano, pubblicato il 16 ottobre 2018 da Miraloop, iTunes chart Alternative Top 100 in Italia durante la prima settimana di uscita, non nasconde i riferimenti alla cosmic music degli anni Settanta e al cantautorato italiano degli anni Ottanta, specialmente quello di Franco Battiato, ma è incredibilmente futuristico. Utilizzando frequenze e dinamiche capaci di reggere il confronto con le produzioni pop rock internazionali, non tradisce mai lo spirito intrinseco della canzone italiana, dove la voce domina il mix sopra tutti gli altri colori musicali. Non abbiamo timore di dire che se la critica musicale fosse consapevole della differenza tra elementi sostanziali e formali di un genere musicale si parlerebbe di nuovo progressive rock italiano. 

Vi aspettiamo il 18 gennaio su tutti i canali Miraloop Records - Hearts, Facebook e Youtube, per commentare e condividere insieme a noi questo viaggio musicale.